• w-facebook
  • w-googleplus

Lo spettacolo s'ispira alla forza evocatrice del mondo del Fumetto.

Una coreografia costruita attorno ad una successione d'immagini che mostrano e giocano con i forti legami che uniscono sentimenti e colori.

Da un punto di vista visivo, la scenografia si rifà alla tipica struttura di una pagina di fumetto Cinque personaggi birbanti, infantili, ciascuno caratterizzato da una moltitudine di emozioni e rappresentato da un colore: il verde, il giallo, il rosso, il blu o il nero. I cinque personaggi, scappati da un riquadro, affrontano con umourismo e leggerezza temi universali quali il pregiudizio, l'integrazione, l'esclusione e più in generale i rapporti umani.

Gli interpreti si muovono sulle note di una musica ritmata da percussioni suonate direttamente col e sul corpo. Materia sonora ricca e creativa che evoca le onomatopee e i suoni tipici dei fumetti. 

La narrazione, semplice e lineare, si sviluppa attraverso quadri et immagini divertenti che lasciano il campo libero all'interpretazione del pubblico. 

 

" I colori hanno significati precisi che influenzano profondamente il  nostro ambiente, i nostri comportamenti, il nostro linguaggio e la nostra fantasia. La loro storia è talmente intensa da avere lasciato il segno persino nel nostro vocabolario: non a caso si dice veder rosso o diventare verde dalla paura o blu dalla rabbia ..." Dominique Simonnet

Ideazione e coreografie: Alex Sander dos Santos

 

Interpreti: Fabiola Biasoli, Luciana Dariano, Leandro Villavicencio (in alternanza con Alex Sander dos Santos ), Audrey Moeglin e Nicola Vacca.

 

Musica: Barbatuques

 

Scenografia, costumei e accessori: LaboratoART

 

Costruzione scenografie: Geneviève Brancourt et Maguy Duval

 

Addetto alla produzione: Ludovic Brancourt

 

Foto: Renaud Ducoing

 

In co-produzione con l'associazione Arts et Proximité